Il suono degli accordi sul lavoro

Si può dire che tutto cominciò il 26 gennaio 1977, con l’accordo Carli-Lama che sancì la prima grande riduzione, quella delle indennità di anzianità.

Nel nome della macroeconomia si iniziava a colpire le microeconomie, quelle familiari, che su quegli importi pianificavano il futuro, sempre facendo i conti con il presente.

Poi fu un’escalation fino ai giorni nostri.

Un primo spaccato, relativo alla dialettica parlamentare e visto dalla destra sociale italiana è ottenibile qui.

Significativa tappa fu quella del 14 febbraio 1984, ben raccontato da una Ritanna Armeni d’annata, quando si fermò la scala mobile.

Gli accordi sul lavoro sono parte integrante della storia italiana.

Ripercorrerla, rileggerla, consente di intendere meglio le strette di mano odierne.

Qui c’è una snella e comprensibile ricostruzione di tutte le tappe fatta dalla Fials Ferrara che può fare da spunto per conoscere e approfondire.

Il suono degli accordi è riconoscibile, è sempre lo stesso.